Bar mleczny, dove mangiare tipico e low cost a Varsavia

Ogni città ha i suoi locali tipici, conosciuti per l’ottimo rapporto qualità prezzo, ma i bar mleczny polacchi sono qualcosa di più. Letteralmente “bar del latte”, perché ai tempi del comunismo erano latterie in cui si mangiava anche qualche piatto caldo, questi locali sono qualcosa che sta a metà tra la mensa e il fast food. Li caratterizzano: arredamento spartano, gestione affidata ad anziane signore, menù ampio e formato da piatti tipici, prezzi bassissimi.

bar_mlecznyNascono a fine ‘800 come forma di equità sociale, per garantire un piatto caldo a tutti, continuano a diffondersi durante il periodo comunista come mense per diverse categorie di lavoratori. E sono riusciti a sopravvivere fino ad oggi, grazie ad un sistema di fiscalità agevolata.

Funziona così: i clienti entrano, scelgono i piatti dagli enormi menù appesi alle pareti (proprio come nei fast food), ordinano e pagano alla cassa e si vanno a sedere. Quando i piatti sono pronti, una signora urla i loro nomi affacciandosi da uno sportello della cucina verso la sala e i clienti vanno a ritirare le pietanze. Una volta finito di mangiare, si riconsegnano i piatti vuoti nel secondo sportello adibito a questa funzione.

bar_mlecznyI pochi turisti che si avventurano qui – cosa che io ovviamente vi consiglio vivamente – devono sapere che il menù non è sempre tradotto in inglese e anche le volte in cui le ho i piatti verranno “chiamati” in polacco, dunque è obbligatorio fare buon viso a cattivo gioco, cercando anche di evitare di spazientire le signore alla cassa e agli sportelli, che non hanno di certo tempo da perdere con voi. Lo sforzo, d’altra parte, sarà ricompensato dalle prelibatezza di ogni piatto (potete anche ordinare alla cieca, andrà sempre bene), oltre che dal costo davvero irrisorio delle singole portate (pochi euro).

Durante il mio soggiorno a Varsavia, ho sempre pranzato qui (anche perché cenarvi sarebbe impossibile, visto che chiudono molto presto ma sono già aperti da metà mattina). E ora vi svelo i tre “bar del latte” che ho testato personalmente, molti dei quali sono riusciti a sopravvivere anche in pieno centro, considerati ormai una sorta di istituzione storica.

Pod Barbakanem
Ul. Mostowa 27
bar_meczlyA due passi dal barbacane che conduce alla città vecchia, questo è uno dei più storici ed è stato il primo che ho provato. È formato da due piccole salette su cui si affaccia la cassa per le ordinazioni e i due sportelli della mensa. Quando sono arrivata una scolaresca locale accompagnata dalla maestra aveva già occupato metà dei tavoli a disposizione e ordinatamente gli scolari stavano andando a ritirare i loro piatti. Ottime sia la classica zuppa al pomodoro sia quella con verdure e carne. Per secondo ho optato per una kotlet schabowy, una bistecca impanata servita con purè di patate. Questo posto è perfetto per una sosta mentre si visita il centro storico.

Familijny
Ul. Nowy Swiat 39
bar_mlecznySi trova proprio su uno dei tratti più frequentati della Strada Reale, ma l’insegna non è molto evidente e quindi bisogna prestare attenzione per trovarlo. Forse per la centralità della sua posizione, ho trovato questo bar mleczny molto affollato, soprattutto di anziani soli che mangiavano un piatto di minestra calda. Seguendo il loro esempio, anch’io ho voluto assaggiare le tipiche zuppe: una delle più tipiche è la Žurek, originaria della Slesia, con farina di segale fermentata, carne di maiale, uovo sodo, salsiccia bianca, cren fresco e maggiorana. Inutile dire quanto siano buone le minestre polacche: in questi locali, dove a prepararle sono il corrispettivo delle nostre nonne, lo sono ancora di più. bar_melcznyQui ho potuto anche constatare come questi posti svolgano ancora oggi una funzione sociale importantissima. Non solo garantiscono un piatto caldo ai poveri (un piatto abbondante di zuppa costa circa 60-90 centesimi di euro), ma permettono un sostentamento anche a chi non ha nemmeno questi pochi centesimi da spendere per mangiare. Mentre stavo mangiando, non ho potuto fare a meno di notare alcuni giovani senza tetto che si sono fermati subito dopo l’ingresso, senza ordinare. Dopo un po’ ho capito cosa stessero aspettando: al termine del pasto, alcuni clienti hanno lasciato un po’ di cibo nel piatto e, invece di riconsegnarlo nella finestrella della mensa, lo hanno lasciati ai clochard, che così si sono sfamati. Questa è una delle cose di Varsavia che non dimenticherò.

Rusalka
Ul. FFlorianska 14
bar_mlecznyQuesto “bar del latte” si trova nel quartiere di Praga, oltre la Vistola, proprio accanto alla grande chiesa dei Santi Michele arcangelo e Floriano ed è sicuramente uno dei più tipici. L’arredamento sembra essere ancora quello degli anni settanta, le signore sono severissime, il menù anche con una lista di piatti più elaborati secondo ricette tipicamente polacche. Davvero squisito il golabki, cavolo ripieno di carne e patate. D’obbligo la minestra di barbabietole rosse, originaria dell’Ucraina, una squisiteza. È anche take away! Se fate un salto a vedere il quartiere di Praga, dovete assolutamente pranzare in questo posto fuori dal tempo.bar_mleczny

Avevate mai sentito parlare di questi locali? Li avete provate? Ne conoscete altri? Scrivetemi nei commenti le vostre impressioni, mi farebbe molto piacere sapere cosa ne pensate.

 

Giornalista e blogger, non riesce ad immaginare una vita senza viaggi per scoprire nuovi luoghi, conoscere culture diverse, provare sapori di ogni genere. Ama l’arte, la natura, la fotografia, i libri e il cinema. Appassionata di Balcani e di Europa dell’Est, sogna l’Australia e spera di riuscire a vedere tutto il mondo possibile.

Commenti

2 Commenti
  1. pubblicato da
    La Folle
    Dic 7, 2016 Reply

    Mi si è stretto il cuore pensando al buon cuore dei polacchi coi senzatetto. Bellissimo post, non so se durante il mio viaggio visitero’ queste latterie ma mi hai dato un sacco di informazioni utilissime. Grazie!

    • pubblicato da
      RitagliDiViaggio
      Dic 7, 2016 Reply

      Ti capisco, ha colpito moltissimo anche a me! Un paio di bar del latte sono in centro e davvero si mangia molto bene. Il contatto con la gente locale e le loro abitudini è una cosa che arricchisce il viaggio. Felice che il post ti sia piaciuto! Buon giro a Varsavia, è una città molto particolare vedrai 🙂

Rispondi

Le foto dei miei viaggi in tempo reale

Vuoi vedere i luoghi più emozionanti dei miei viaggi quasi in tempo reale? Seguimi su Instagram, dove pubblico le foto più significative dei luoghi in cui mi trovo in quel momento o che ho visitato di recente.

Seguimi su Instagram