Isole Tremiti: cose da sapere prima di partire

Sono definite le perle dell’Adriatico e sono conosciute per la loro sfolgorante bellezza: l’arcipelago delle isole Tremiti è un luogo di suggestiva bellezza, ancora poco frequentate dal turismo di massa. Le isole sono cinque e alcune di esse sono disabitate.

Ecco allora una serie di informazioni utili per organizzare nel migliore dei modi una viaggio alla scoperta di queste isole, un po’ di cose da sapere sulle isole per scegliere dove soggiornare a seconda dei propri gusti e delle proprie esigenze.

LE ISOLE DELL'ARCIPELAGO

Il meraviglioso arcipelago nell’Adriatico delle isole Tremiti è un’area marina protetta che fa parte del Parco nazionale del Gargano in virtù della peculiarità dei suoi fondali, della flora e della fauna. Le isole sono cinque e distano circa 36 chilometri dalla costa. Sarebbe un peccato, però, ridurre la visita a un’escursione giornaliera, perché questi luoghi hanno tantissimo da offrire e rimanere qui qualche giorno significa regalarsi momenti difficili da dimenticare. In alta stagione troverete le isole molto frequentate, mentre nei mesi più tranquilli sarete a contatto soltanto con gli abitanti, che sono appena un centinaio, suddivisi tra le due isole principali, San Domino e San Nicola.

L’isola di San Domino è la più turistica, il centro abitato risale al 1959 e alberghi, ristoranti e servizi vari sono numerosi. Fiori multicolori, macchia mediterranea e foreste di pini costituiscono un ambiente naturale ideale per una vacanza nella natura incontaminata. Sulla Ripa dei Falconi, a 80 metri, nidifica il falco pellegrino.

L’isola di San Nicola è più piccola di San Domino, ma ospita il Municipio. Il centro storico è molto suggestivo e si trova arroccato sul lato occidentale dell’isola da cui si gode un panorama spettacolare. Man mano che ci si sposta verso est, il centro abitato cede il passo alla macchia mediterranea e all’area disabitata dell’isola, dove si trova il cimitero. Viene detta l’isola capovolta, perché costruita da argilla nella parte inferiore e da calcare in quella superiore. Da vedere l’abbazia e la chiesa di Santa Maria, fondate nel 1010 dai monaci benedettini. Diversi ordini religiosi abitarono qui per 700 anni, fino a quando non furono cacciati dai Borboni che fecero dell’isola una prigione.

Le isole di Capraia, di Pianosa e di Cretaccio sono disabitate. Pianosa è la più selvaggia e lontana, Cretaccio la più piccola e si sta sgretolando un po’ alla volta a causa degli agenti atmosferici.

SPIAGGE, GROTTE ED ESCURSIONI

Se non potete rinunciare alla sabbia, su San Domino trovate la Cala delle Arene, vicino al piccolo porto, l’unica spiaggia completamente sabbiosa. I Pagliai sono ideali per fare una nuotata. Acque cristalline anche a Cala delle Roselle e Cala del Sale. Sono meravigliose anche Cala degli Inglesi, Cala Tonda e Cala Matano, un’altra piccola ma deliziosa spiaggia che scede a strapiombo sul mare e si trova a poca distanza dal centro. Cala dei Benedettini è attrezzata con ombrelloni sulle rocce. Anche sull’isola di San Nicola c’è una spiaggia, ma spesso è occupata da barche e da gommoni e quindi per chi vuole starsene comodamente sdraiato al sole è preferibile optare per le spiagge di San Domino.

Su San Domino si trovano le tre grotte più famose dell’arcipelago: Le Viole, Le Rondinelle e la grotta del Bue Marino, meta irrinunciabile se venite in vacanza sull’isola. Ricordate però che si possono raggiungere soltanto via mare, tramite gommoni o motoscafi. C’è poi la Punta dell’Elefante, il cui nome deriva dalla forma della roccia che contraddistingue questa zona. Gli appassionati di snorkelling apprezzeranno i fondali delle Tremiti, dove sono presenti ben 40 siti di immersioni con una profondità che varia dai 5 ai 60 metri.

Il panorama più bello è quello che si gode dal Colle dell’Eremita, da dove la vista può spaziare sull’intero arcipelago.

Sulle Tremiti non c’è il rischio di annoiarsi ed è un luogo ideale per chi ama una vacanza attiva, senza rinunciare al relax. Questo arcipelago ospita una natura davvero ricca e diversificata, con scogli e pinete ideali per fantastiche passeggiate ed escursioni a piedi. In barca o in gommone è poi possibile raggiungere le due isole disabitate dell’arcipelago, Capraia e Cretaccio, le cui coste celano splendide baie e spiaggette, mentre nell’entroterra si trovano conigli selvatici e una flora molto varia. A Cretaccio, è imperdibile la Cala del Diavolo, mentre a Capraia i luoghi da vedere assolutamente sono la cala di Pietre di Fucile e gli Scoglietti, un’insenatura che permette di raggiungere il vecchio faro abbandonato.

⛵ #tremiti

Un post condiviso da ● SF ● 🎶 (@silvia.ferrante.sf) in data:

COME ARRIVARE E DOVE ALLOGGIARE ALLE TREMITI

Come arrivare: cose da sapere
L’arcipelago si trova nella Provincia di Foggia e le isole si possono raggiungere tramite traghetto, aliscafo e motonave. Gli orari dei mezzi di trasporto variano in base alla stagione e al porto di partenza. I principali Termoli, Peschici e Viste, ma è possibile imbacarsi anche a Rodi Garganico. Il porto più frequentato dai turisti è quello di Termoli che effettua collegamenti giornalieri. Il viaggio dura circa un’ora. È facile trovare tutte le informazioni e prenotare i traghetti per le Tremiti online.

Dove alloggiare: cose da sapere
Sono due le isole abitate nell’arcipelago delle Tremiti: San Domino e San Nicola. Dunque è qui che dovrete orientare la vostra ricerca di una stanza o di un appartamento e potrete scegliere hotel di lusso o alloggi più semplici in villaggio e b&b. San Domino è l’isola più grande e più turistica, dunque se amate la vita notturna, qui avrete a disposizione ogni tipo di servizio. Scegliete San Nicola, invece, se amate la vita tranquilla e il silenzio e soprattutto se vi piace l’idea di vivere a contatto con gli abitanti dell’isola. Su quest’isola potrete trovare stanze di privati e affittacamere. Frequenti sono i collegamenti tra le due isole principali, San Domino e San Nicola e il biglietto costa circa 2,5 euro, ma si trovano anche diversi gommoni privati che effettuano il trasporto da un’isola all’altra. Sull’isola di San Domino non ci sono auto (a parte alcune piccole vetture degli hotel che vanno avanti e indietro dal porto). L’isola è facilmente percorribile a piedi, in bicicletta, scooter o quad.

isole tremiti cose da sapere

Che ne dite delle Tremiti? Potrebbero essere la vostra prossima meta?

Per me che amo le isole, sono una tentazione irresistibile.

Giornalista e blogger, non riesce ad immaginare una vita senza viaggi per scoprire nuovi luoghi, conoscere culture diverse, provare sapori di ogni genere. Ama l'arte, la natura, la fotografia, i libri e il cinema. Appassionata di Balcani e di Europa dell'Est, sogna l'Australia e spera di riuscire a vedere tutto il mondo possibile.

Commenti

4 Commenti
  1. pubblicato da
    Pietrolley
    Set 7, 2017 Reply

    Ci sono stato due giorni fa e mi hanno deliziato!
    Sono un paradiso 😊

    • pubblicato da
      RitagliDiViaggio
      Set 7, 2017 Reply

      Che bello scoprire posti dove si può stare ancora così a contatto con la natura! Hai visto tutte le isole o ti sei fermato soltanto su una?

      • pubblicato da
        Pietrolley
        Set 7, 2017

        Ho fatto il tour delle isole di un’oretta da San Nicola, ma non mi sono proprio fermato!
        Lì sarebbe da noleggiare il gommone e girarle tutte!

      • pubblicato da
        RitagliDiViaggio
        Set 7, 2017

        Hai proprio ragione! Ma almeno un’idea intanto te la sei fatta 🙂

Rispondi

Le foto dei miei viaggi in tempo reale

Vuoi vedere i luoghi più emozionanti dei miei viaggi quasi in tempo reale? Seguimi su Instagram, dove pubblico le foto più significative dei luoghi in cui mi trovo in quel momento o che ho visitato di recente.

Seguimi su Instagram