Bratislava dall’alto: quattro punti imperdibili da cui ammirare la capitale slovacca

Una delle cose che amo più fare quando visito una città è ammirarla da prospettive diverse. Osservare una città dall’alto è uno dei modi per poterne comprenderne la forma, l’estensione, la distribuzione dei diversi quartieri, oltre che per poter guardare i monumenti più importanti da una prospettiva diversa e, spesso, anche per sbirciare scenari altrimenti invisibili, come terrazze sui tetti, comignoli, giardini celati da alte mura.

Non in tutti luoghi sono disponibili e aperti al pubblico luoghi da cui poter ammirare il panorama sulla città. A Bratislava, capitale della Slovacchia, di questi luoghi ce ne sono addirittura quattro e sono tutti molto interessanti, perché permettono di guardare la città da distanze e prospettive diverse, quindi ognuno di loro offre panorami significativi. In questo post ve li svelo tutti, a partire da quello più in basso per terminare con quello più in alto, così potete andare metterli sulla lista delle cose da vedere in città.

1. Torre di San Michele

L’accesso più noto alla Città Vecchia di Bratislava è brána Michalská (porta San Michele), la cui torre caratterizzata da un alto tetto di rame a forma di bulbo è uno degli edifici simbolo di Bratislava. La porta è l’unica rimasta delle quattro porte con torri che consentivano l’accesso alla città nel XIV secolo. Il sistema difensivo della città venne poi ampliato con la costruzione di ulteriori cinque porte esterne.

A pianta quadrata, la porta venne costruita nel 1300 e sopraelevata tra il 1511 e il 1517 con l’aggiunta di un corpo ottagonale minore, a sua volta coperto nel 1758 con una complessa copertura ramata, che ha conferito alla costruzione l’attuale aspetto barocco. Durante l’ultima ricostruzione nel XVIII secolo, in cima alla torre, a un’altezza di 50 metri, venne posta la statua di San Michele che combatte con il drago, disegnata da P. Eller.

Oggi la torre ospita museo delle Armi e delle Fortificazioni della Città, che documenta la storia delle fortificazioni di Bratislava, espone una serie di armi antiche e armature e familiarizza i visitatori con la storia dei produttori di armi e cannoni a Bratislava. La maggior parte dei visitatori, in realtà, viene qui non tanto per il museo quanto per ammirare il panorama dall’alto. Dal seppur stretto ballatoio all’ultimo piano della torre si gode infatti una bella vista a 360 gradi sui tetti della città e sul castello.

bratislava dallalto
bratislava dallalto

2. Castello

Il Bratislavský Hrad (Castello di Bratislava), un imponente edificio con quattro torri angolari, è uno dei monumenti simbolo della città e della Slovacchia. Posto su una roccia che domina il fiume Danubio, il castello sorge su un luogo da sempre considerato strategico.

Il castello di Bratislava subì alterne vicende nel corso della lunga e complessa storia della capitale. Dopo la sconfitta degli Ungheresi da parte dell’Impero Ottomano nel 1526, la città divenne capitale del Regno d’Ungheria e sede della corte ungherese sotto la monarchia d’Asburgo. Di conseguenza il castello divenne la sede formale dell’incoronazione per i re e le regine d’Ungheria.

Il castello ospita oggi il modesto il museo Storico Nazionale, a cui si accede da un grande scalone barocco, ma la visita al castello è imperdibile non tanto dal punto di vista architettonico o per il museo ospitato al suo interno, quanto per gli splendidi panorami che si ammirano dalle terrazze affacciate sul Danubio, sulla città e sulla campagna circostante. Dalla roccia di 85 metri su cui è posto il maniero si possono vedere tre paesi contemporaneamente: Slovacchia, Austria e Ungheria.

Dallo spazio aperto di fronte al castello si possono anche ammirare bellissimi scorci sulla zona ovest della Città Vecchia, con la cattedrale di San Martino in primo piano, il ponte SNP e il quartiere Petražlka . Da non perdere anche l’ampia terrazza settentrionale, dove Maria Teresa fece costruire un grande giardino terrazzato in stile francese riportato agli antichi splendori con un’opera di restauro terminata nel 2016. L’area intorno al castello e il cortile sono a ingresso libero.

bratislava dallalto

3.Piattaforma in cima al Ponte Ufo

Le due sponde del Danubio a Bratislava sono collegate da ben cinque ponti. Quello più famoso e posizionato all’altezza del castello e del centro storico è il most SNP (ponte SNP) o Novy most, divenuto una delle icone di Bratislava grazie alla sua avveniristica struttura. Eretto tra il 1967 e il 1972, con una lunghezza di 431 metri e una larghezza di 21, il most SNP collega il quartiere residenziale di Petražlka alla Città Vecchia con una struttura in acciaio di oltre 7.500 tonnellate.

Dedicato in origine all’Insurrezione nazionale slovacca, il ponte diventò Novy Most nel 1993 in seguito alla decisione del Consiglio comunale. Riacquistò infine il nome originario nel 2012, in occasione della commemorazione del 40° anniversario della sua apertura e del 68° anniversario della rivoluzione nazionale. Tuttavia, è più conosciuto come Ponte Ufo, a causa della forma a disco volante che si trova nella parte terminale del pilone sulla riva destra, che ospita, a 85 metri d’altezza, un famoso ristorante con vista panoramica, raggiungibile con un veloce ascensore. Il ponte è l’unico al mondo a far parte della World Federation of Great Towers. Si può accedere alla piattaforma panoramica anche senza usufruire del servizio ristorante pagando un biglietto di 6,50 euro. La vista dalla piattaforma è particolarmente suggestiva di sera, quando le luci illuminano il centro storico.

Indiscutibilmente interessante dal punto di vista tecnico, la controversa realizzazione del ponte riscosse il favore degli architetti ma non quello di tanti abitanti. La costruzione di quest’opera, insieme a quella della strada a quattro corsie a scorrimento largo collegata al ponte, è stata una delle operazioni che più hanno modificato l’aspetto del centro storico della capitale nell’ultimo secolo. La peculiarità più significativa del most SNP è di essere il primo in Slovacchia e il secondo nel mondo a non essere costruito su piloni realizzati nel fiume, bensì soltanto da cavi d’acciaio che sostengono il piano stradale e da un unico pilone sulla riva destra del Danubio. Nel piano inferiore al livello stradale ci sono due corridoi laterali per il passaggio di pedoni e biciclette. Autori del ponte sono l’architetto Jozef Lacko e l’ingegnere Arpad Tesar. Curiosamente il loro progetto non vinse il concorso internazionale indetto per l’occasione, ma arrivò soltanto quarto. Fu però scelto dalle autorità del tempo per ragioni economiche.

bratislava dallalto

4. Monumento Slavín

Costruito tra il 1957 e il 1960 dall’architetto Ján Svetlík, Vojnový Pamäyník Slavín (Monumento di Guerra di Slavín) è il più grande monumento dell’Europa centro orientale dedicato alle vittime della guerra. Questo gigantesco memoriale ai caduti, il cui nome richiama la slava (gloria), fu inaugurato il 4 aprile 1960 e si erge in mezzo ad uno dei più apprezzati quartieri residenziali borghesi di Bratislava, su una delle colline della città a nord del castello, a oltre 250 metri di altezza.

Grazie alla sua posizione e ai suoi 52 metri di altezza caratterizza lo skyline della città ed è uno dei luoghi da cui si può godere uno dei più spettacolari panorami di Bratislava dall’alto. Dedicato ai soldati sovietici dell’Armata Rossa caduti durante la battaglia nella primavera del 1945 per liberare Bratislava dai nazisti, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, il monumento è accessibile da un’ampia scalinata ornata di rilievi bronzei e statue.

La statua alta una decina di metri, realizzata da Tibor Bártfay, l’autore del globo posto davanti al palazzo presidenziale, è situata in cima all’obelisco di poco meno di 40 metri e rappresenta un soldato sovietico vittorioso che calpesta una svastica e che alza una bandiera con una stella dorata in cima. Attorno al monumento riposano 6.845 soldati sovietici, mentre alla base sono riportati i nomi delle città slovacche e le date in cui furono liberate dall’Armata rossa, durante la sua avanzata verso ovest nel 1944 e 1945.

A lato del monumento c’è un giardino per la pace dedicato al politico slovacco Alexander Dubček. Se non ci si trova nell’area del castello, è possibile raggiungere la collina tramite Palisady e ulica Stefanikva partendo dal centro moderno di Bratislava.

bratislava dallalto
bratislava dallalto

Che ne dite di questo elenco? Conoscete altri luoghi da cui osservare Bratislava dall’alto? Fatemelo sapere nei commenti.

E se volete conoscere altre cose su Bratislava per organizzare al meglio la vostra visita vi ricordo che ho scritto la guida turistica “Bratislava e dintorni” edita da Odòs nel 2018.

La prima presentazione si svolgerà a Udine il 12 settembre. Se siete da quelle parti, vi aspetto. Altrimenti, potete consultare il calendario delle presentazioni e vedere se prima o poi capiterò anche vicino a voi.

Giornalista e blogger, non riesce ad immaginare una vita senza viaggi per scoprire nuovi luoghi, conoscere culture diverse, provare sapori di ogni genere. Ama l'arte, la natura, la fotografia, i libri e il cinema. Appassionata di Balcani e di Europa dell'Est, sogna l'Australia e spera di riuscire a vedere tutto il mondo possibile.

Rispondi

Le foto dei miei viaggi in tempo reale

Vuoi vedere i luoghi più emozionanti dei miei viaggi quasi in tempo reale? Seguimi su Instagram, dove pubblico le foto più significative dei luoghi in cui mi trovo in quel momento o che ho visitato di recente.

Seguimi su Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: