Torna ConVersando di Viaggi e diventa un appuntamento fisso

A volte le idee giungono all’improvviso, ad esempio mentre ci si fa la doccia o mentre si cammina da soli, apparentemente senza pensieri. Altre volte capita che alcuni progetti hanno inizio davanti a un bicchiere di vino o una birra con un amico. ConVersando di Viaggi appartiene a questa seconda categoria, perché è davvero chiacchierando del più e del meno che io ed Emanuele, il titolare dell’osteria La Ciacarade di Udine, abbiamo deciso di provare a organizzare questi momenti dedicati ai viaggiatori.

Faccio fatica a definirli eventi, perché io non amo poi così tanto gli eventi: sono convinta che se ne facciano un po’ troppi e che le persone siano disorientate da un eccesso di offerta tra cui è difficile selezionare. Anche per questo abbiamo deciso di impostare ConVersando di Viaggi come un momento informale, di incontro e di chiacchiere, anche se ovviamente ci sarà sempre qualcuno che presenterà qualcosa e che modererà la serata, per evitare l’anarchia.

L’obiettivo è quello dello scambio e della condivisione. Nessuno salirà in cattedra per insegnare qualcosa agli altri. Il viaggiatore protagonista racconterà la sua esperienza e gli altri saranno liberi di fargli domande, offrire a loro volta qualche spunto sulla base della loro esperienza, chiedere consigli o anche semplicemente ascoltare. Tutti sono i benvenuti, anche chi viaggia poco, per scelta o per necessità, ma ama ascoltare racconti ed esperienze che riguardano culture e mondi più o meno lontani.

Nel 2018 sono partiti i primi 5 incontri, tra la primavera e l’estate: era un po’ un esperimento, per capire se una cosa di questo genere poteva riscuotere un po’ di interesse oppure no. Le cose sono andate molto bene, con una partecipazione attiva e amichevole di un gruppo di 20-30 persone per ogni incontro. Sono state realizzate anche un paio di cene a tema al termine di alcuni incontri. Molti ci hanno chiesto se l’esperienza sarebbe continuata.

Quest’anno allora proviamo a fare un passo ancora avanti. L’iniziativa ricomincia e diventa un appuntamento fisso e più vario, con mostre fotografiche e presentazioni di libri, che si aggiungono ai racconti di viaggio e le cene a tema.

L’edizione 2019 si aprirà a inizio maggio e proseguirà fino a fine anno per due giovedì al mese, ma giovedì 21 marzo alle 18.30 ci sarà una ricca anteprima con la presentazione di tutte le novità del programma dell’edizione 2019 e l’inaugurazione della mostra fotografica In Etiopia, sugli altopiani occidentaliUn viaggio attraverso sguardi, sorrisi e tradizioni di Claudia Toffolon viaggiatrice e fotografa di Sacile trapiantata a Trieste, che racconterà, tramite una scelta di 15 immagini, il suo viaggio in una parte dell’Etiopia ancora poco conosciuta e visitata, quella degli altopiani occidentali.

ConVersando di Viaggi comprenderà tre sezioni, di cui due completamente nuove.
Racconti di Viaggio comprenderà gli incontri con le esperienze dei viaggiatori, organizzati sempre con il carattere di informalità che si è rivelata una scelta azzeccata della prima edizione per favorire la partecipazione spontanea e lo scambio di idee tra il moderatore e il pubblico.
In Luoghi d’autore scrittori e case editrici indipendenti faranno conoscere le pubblicazioni dedicate al tema del viaggio, mentre Scatti dal mondo ospiterà mostre fotografiche sulle pareti dell’osteria: l’esposizione sarà inaugurata dall’autore delle immagini che racconterà il suo viaggio e la scelta degli scatti. Alcuni incontri termineranno con una cena a tema in compagnia del protagonista della serata.

Lo spirito alla base degli incontri rimarrà lo stesso: rivolgersi a chi ha voglia di conoscere il mondo o la vocazione di farlo conoscere, a chi ha voglia di raccontare e condividere la sua esperienza, a chi è in procinto di partire e ha la necessità o la curiosità di raccogliere qualche informazione in più sul Paese che visiterà, ma anche a chi vuole viaggiare con la mente verso mete sognate o semplicemente bere un bicchiere di vino accompagnato da qualche tartina insieme ad altri curiosi di storie di vita e di mondo.

Un’altra novità di quest’anno sarà una tesserà fedeltà. Grazie al supporto di alcuni sponsor, come Bottega Errante, Odòs e Un cuoco in campagna e altri che si stanno aggiungendo in questi giorni, i partecipanti più assidui, che accumuleranno il maggior numero di timbri sulla tessera, riceveranno a fine anno premi in libri e guide di viaggi, prodotti di enogastronomia locale, sconti in negozi convenzionati. Buffet e prima consumazione a prezzo fisso di 5 euro.

Il logo dell’evento è realizzato dall’illustratrice friulana Elisabetta Damiani.

Per rimanere aggiornati sul programma potete consultare la pagina ConVersando di Viaggi oppure scriverci a [email protected]

conversando di viaggi
conversando di viaggi
conversando-di-viaggi

ASPETTANDO CONVERSANDO DI VIAGGI

Giovedì 21 marzo ore 18.30

Inaugurazione mostra fotografica

In Etiopia, sugli altopiani occidentali
Un viaggio attraverso sguardi, sorrisi e tradizioni

Unico Paese dell’Africa a non aver perso la propria indipendenza durante il periodo coloniale e Primo paese del continente africano ad aver eletto la prima donna presidente. L’Etiopia è un paese in forte crescita, soprattutto dopo gli accordi di pace con l’Eritrea, che si pone come punto di riferimento per l’equilibrio del Corno d’Africa e dell’intero continente. Popolato da oltre 80 gruppi etnici diversi, orgogliosi delle proprie tradizioni e delle proprie lingue, con un calendario ed una diversa scansione del tempo, L’Etiopia si può dividere in tre aree principali: la Valle dell’Omo, la Dancalia e la zona degli Altopiani occidentali.
Il primo impatto con l’Etiopia è Addis Abeba, il “nuovo fiore”: città proiettata verso la modernità, che tra i grattacieli di vetro cerca di cancellare le tracce della presenza coloniale, che permangono solo nelle insegne dei ristoranti o nei nomi dei quartieri, è considerata da tutti la capitale d’Africa, la città dove si creano e si mantengono i delicati equilibri di questo delicato continente. Il viaggio è proseguito verso nord, attraverso paesaggi favolosi come quelli delle montagne Simien e delle cascate del Nilo Blu, luoghi sacri come i monasteri del lago Tana e importanti città per la storia etiope, come Gondar, la Camelot d’Africa, prima capitale del paese fondata nel XVI secolo e Lalibela, l’ottava meraviglia del mondo, con le chiese scavate nella roccia, dove migliaia di pellegrini vengono accolti dopo mesi di cammino.
“Ho percorso ore infinite su strade dissestate e polverose – racconta Claudia -, tra paesaggi mutevoli e affascinanti, puntellati dalle abitazioni dei villaggi degli Amhara, etnia di agricoltori che popola quelle zone. Persone semplici, sorridenti, curiose verso il “viaggiatore bianco” che per loro rappresenta ancora una novità. Mi sono fermata ad osservare i loro mercati, tra cui quello del bestiame, molto importante soprattutto nella settimana che precede il Natale etiope e sono stata accolta nelle scuole dove alle decine di bambini vengono insegnati l’inglese e la matematica, ho preso il caffè nei bar delle cittadine lungo il percorso guardando le partite di calcio italiano alla televisione”.
Le immagini in mostra ripercorreranno gli sguardi, i sorrisi, le tradizioni che hanno accompagnato il percorso di Claudia, tanto impegnativo dal punto di vista fisico, quanto gratificante per l’immersione in una realtà diversa, colorata, emozionante.
conversando di viaggi
conversando di viaggi
conversando di viaggi

Claudia Toffolon

Claudia Toffolon nasce a Sacile, in provincia di Pordenone, e attualmente vive a Trieste. Appassionata di musica, di lingue straniere e di viaggi, si avvicina al mondo della fotografia durante l’adolescenza, grazie all’esempio di una zia viaggiatrice e agli amici che le regalano la prima macchina fotografica. La passione è cresciuta viaggio dopo viaggio, vicino o lontano, ed è diventata il suo mezzo di comunicazione preferito per far conoscere alcune delle realtà del mondo. Ha viaggiato in 53 paesi, prevalentemente negli ultimi dodici anni. Ama molto l’Asia, in particolare il Giappone che ha visitato più volte e i paesi del Medioriente. Predilige la fotografia di strada, i mercati, le celebrazioni nei templi e nei luoghi di culto, e tutte le situazioni in cui può cogliere gli sguardi, le espressioni e le emozioni delle persone. Preferisce viaggiare da sola, o accompagnata da amici fidati, organizzando il viaggio in maniera autonoma, ma per alcune mete, come l’Etiopia, si appoggia ad un’agenza di fiducia. Da un paio d’anni raccoglie le sue foto in un sito www.claudiatoffolon.com e racconta i suoi viaggi nella pagina facebook Borntotravel, fotografie e racconti di viaggio.
conversando di viaggi

Programma aggiornato, eventi dello scorso anno, foto e rassegna stampa si trovano sulla pagina dedicata a ConVersando di Viaggi del mio blog.

Avete un racconto di viaggio da proporre?

Volete partecipare o sostenere l’iniziativa in qualche modo?

Scriveteci 

Giornalista e blogger, non riesce ad immaginare una vita senza viaggi per scoprire nuovi luoghi, conoscere culture diverse, provare sapori di ogni genere. Ama l'arte, la natura, la fotografia, i libri e il cinema. Appassionata di Balcani e di Europa dell'Est, sogna l'Australia e spera di riuscire a vedere tutto il mondo possibile.

Rispondi

Le foto dei miei viaggi in tempo reale

Vuoi vedere i luoghi più emozionanti dei miei viaggi quasi in tempo reale? Seguimi su Instagram, dove pubblico le foto più significative dei luoghi in cui mi trovo in quel momento o che ho visitato di recente.

Seguimi su Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: