Sapori e tradizioni autunnali sulle colline friulane del Ramandolo

Le dolci e verdi colline del Friuli, quelle che comprendono il territorio dei comuni di Nimis e di Tarcento e che disegnano un paesaggio che anticipa le montagne e ospita boschi e castelli medievali, ospitano una sorta di isola climatica, caratterizzata da un’altitudine tra i 200 e i poco più di 500 metri, elevate piovosità e escursione termica, dove si produce il Ramandolo, realizzato dalle uve passite di Verduzzo friulano o Verduzzo giallo.

I vigneti sono disposti su pittoreschi terrazzamenti, alcuni dei quali raggiungono pendenze che superano il 30% e regalano paesaggi che ispirano tranquillità e dolcezza, adatti per escursioni a piedi o in bicicletta.

Da questa parti c’è spazio anche per i più coraggiosi che vogliono provare il volo libero con deltaplano o parapendio dal monte Bernadia (872 metri), la stessa cima che ripara i vigneti dai venti freddi e dalle cui falde emergono le terrazze di marna e arenaria dove nasce il Ramandolo, caratterizzato dall’equilibrio di tannino, acidità e dolce.

Il vino Ramandolo

Nel 2001 il Ramandolo, che si ricava dai grappoli di Verduzzo giallo asciugati al sole o lasciati appassire sui graticci, è stato il primo vino Docg del Friuli Venezia Giulia. La torchiatura avviene tra fine ottobre e metà novembre, quando si festeggia anche la chiusura dell’annata. Ed è proprio in questo periodo che si svolge l’Oro di Ramandolo, un tour enograstronomico alla scoperta delle colline e delle cantine dove nasce questo vino così particolare, nella zona di Nimis e dei suoi dintorni.

Ogni anno sono poco più di 150 mila le bottiglie prodotte. Si tratta quindi di una rarità, oltre che di un grande vino elegante e di meditazione. Si sposa benissimo con la gubana, il tradizionale dolce friulano, oltre che con i formaggi stagionati.

Curiosità: Ramandolo è anche il nome della minuscola frazione del comune di Nimis, nella zona centrale di produzione. Nel caso del Ramandolo, dunque, il vino ha preso il nome non dal vitigno, come solitamente avviene, ma dalla località di produzione, a testimonianza dello strettissimo rapporto instaurato con il proprio territorio.

L’evento Oro di Ramandolo

Una festa, soprattutto, che, negli anni, è cresciuta e quest’anno ha visto la partecipazione di 550 persone, provenienti da tutto il Friuli Venezia Giulia, ma anche dal Veneto, dall’Austria e dalla Slovenia e ha registrato il tutto esaurito già in prevendita. Merito probabilmente della proposta ricca e abbondante, della formula originale, dell’accoglienza e dell’atmosfera informale ma di qualità.

Il tour è composto da ben sette tappe, in altrettanti ristoranti e cantine della zona tra Nimis e le frazioni di Ramandolo e Cergneu, in ognuna delle quali sono state proposte almeno due o tre piatti tipici caldi abbinati ognuno a un vino diverso (non soltanto Ramandolo ma anche altri pregiati vini rossi e bianchi della zona). Nella tappa iniziale e finale della cantina I Comelli di Nimis c’erano poi ulteriori banconi per degustare formaggi, salumi, prodotti dell’orto e dolci della tradizione locale. Complessivamente oltre 50 tra vignaioli, ristoratori e artigiani del gusto hanno messo a disposizione la loro migliore produzione. In ogni tappa, anche una proposta musicale locale, per allietare le degustazioni e favorire la convivialità. Gli spostamenti di tappa in tappa sono stati assicurati da minibus, dopo che alla reception ogni partecipante ha ritirato il pass, il bicchiere da degustazione e il programma con le tappe e il menù. Quasi una maratona, ma all’insegna della scoperta, della tradizione e della qualità.

In questo post vi racconto, anche attraverso le immagini, alcuni momenti significativi di ogni singola tappa.

Per rimanere aggiornati sul programma del prossimo anno, tenete d’occhio il sito web dell’Oro di Ramandolo. L’evento è organizzato dai produttori del Ramandolo Docg, coordinati dal Consorzio Tutela Vini Colli Orientali e Ramandolo, in collaborazione con il Comitato Festeggiamenti Ramandolo e il sostengo di CiviBank.

L’Associazione “Oro di Ramandolo”

Le tappe di una storia lunga 20 anni

  • 1988: nasce il Consorzio dei produttori di Ramandolo
  • 2001: il Ramandolo ottiene la DOCG, è la prima in Friuli Venezia Giulia
  • 2009: fusione in unico Consorzio, nasce il Consorzio Tutela Vini Colli Orientali e Ramandolo, realtà che rappresenta quasi i due terzi della produzione collinare del Friuli Venezia Giulia, in un’ottica di razionalizzazione del comparto vitivinicolo friulano
  • 2012: nasce l’Associazione “Oro di Ramandolo” per non disperdere il patrimonio ventennale di esperienza, con l’obiettivo di valorizzare il Ramandolo Docg in sintonia con il territorio in cui viene prodotto
  • 2012: l’evento “Oro di Ramandolo”, creato nel 2010, trova da quest’anno la sua naturale collocazione in  occasione del weekend a ridosso della Festa di San Martino dell’11 novembre
  • 2018: l’evento cresce nel numero di partecipanti e nelle tappe del tour
  • 2019: 550 partecipanti, 7 tappe, oltre 50 tra vignaioli, ristoratori e artigiani del gusto presenti
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli

Le tappe dell'itinerario enogastronomico

PRIMA TAPPA

Cantina I Comelli – Nimis

I piatti proposti:

  • la battuta di pezzata rossa di La’ di Boschet di Tricesimo abbinata al Friulano 2018 dei Vigneti Pittaro
  • il tortello di farro integrale con zucca e ricotta affumicata dell’agriturismo I Comelli di Nimis abbinato al Sauvignon 2018 de I Comelli.

Nella sala della degustazione, inoltre, i salumi di Gameat di Rive d’Arcano, la pitina della Tana delle Pitine di Tramonti di Sopra, il prosciutto del prosciuttificio Rino Bagatto di San Daniele del Friuli e di Wolf di Sauris, i salumi Faedis di Marina Cancellier e la trota di FriulTrota di San Daniele del Friuli.

E infine i prodotti dell’orto dell’azienda agricola Paolino di Cividale del Friuli, de Il Campo incantato di Tavagnacco, de Il Frantoio di Campeglio di Faedis e de Il Giardino commestibile di Giusi Foschia di Zomeais di Tarcento.

Tutte le eccellenze dell’agroalimentare sono state accompagnate dalle bollicine del territorio e dai bianchi di Savorgnano del Torre.

oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli

SECONDA TAPPA

Cantina Andrea Comelli – Nimis

I piatti proposti:

  • gli gnocchi al ragù d’anatra dell’osteria Grill d’oro di Molinis di Tarcento abbinati al Merlot 2015 di Andrea Comelli
  • la zuppa di capriolo con mirtilli del ristorante Costantini di Collalto di Tarcento abbinata al Refosco 2016 di Sandro Vizzutti.
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli

TERZA TAPPA

Cantina Dario Coos – Nimis

I piatti proposti:

  • l’orzotto alla zucca e rosmarino del ristorante Al Tiglio di Moruzzo abbinato al Friulano 2018 di Giuseppe Bressani
  • gli agnolotti di baccalà e gocce di cipolla rossa della Trattoria Miculan di Tricesimo abbinati al Friulano 2018 di Dario Coos.
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli

QUARTA TAPPA

Ramandolo Club – Ramandolo

I piatti proposti:

  • il patè di selvaggina di Al gjal blanc di Segnacco di Tarcento abbinato al Ramandolo Roncat 2012 Docg di Giovanni Dri
  • il maialino al latte con polenta dell’osteria di Villafredda di Loneriacco di Tarcento abbinato al Franconia 2017 di Micossi
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli

QUINTA TAPPA

Osteria di Ramandolo – Ramandolo

I piatti proposti:

  • i cjarsons dell’osteria di Ramandolo abbinati al Friulano 2017 della coop produttori Ramandolo
  • la porzina con salsa verde del ristorante Al Falconiere di Tarcento abbinata al Merlot 2016 di Anna Berra
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli

SESTA TAPPA

La Roncaia – Cergneu

I piatti proposti:

  • le crespelle al radicchio rosso dell’agriturismo Brez Mej (Senza frontiere) di Prossenicco abbinate al Refosco 2016 di Maria Cussigh
  • la marcundela del ristorante Ai nove castelli di Faedis abbinata al Ramandolo 2015 Docg di Filippon
  • il toc’ in braide con i funghi di Garibaldi 45 di Tricesimo abbinato con Eclisse 2018 de La Roncaia
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli

SETTIMA TAPPA

La’ di Cjapen  Agriturismo Blanc e Neri – Nimis

I piatti proposti:

  • polenta e frico di La’ di Cjapen abbinata al bianco della casa
  • il cotechino e speck di Sauris in crosta di pane con salsa di porcini di Qui Wolf gestione Drindro di Cassacco abbinato al Refosco 2018 di Ad Coos
  • gli gnocchi di susine della Trattoria Da Rochet di Zompitta di Reana del Rojale abbinati al Ramandolo 2017 di Zaccomer
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli

RITORNO AL PUNTO DI PARTENZA

Cantina I Comelli a Nimis

Finale con:

  • i formaggi di Pezzetta Formaggi di Fagagna e di Zore di Alessandra Berra di Taipana accompagnati dal Refosco di Faedis e dallo Schioppettino di Prepotto, i due rossi “ospiti”.
  • i dolci di Adelia Di Fant di San Daniele del Friuli, della gelateria Fiordilatte di Udine, di Muhn di Attimis, del panificio pasticceria Il Forno e Nonino di Tarcento, della proloco Amici di Avasinis di Trasaghis, della proloco di Sutrio e della sorbetteria Della Negra di Mortegliano
  • il caffè di Illy Caffè
  • il digestivo come la storica “di Ramandolo” della distilleria Giacomo Ceschia, la più antica del Friuli.
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli
oro di ramandolo friuli

Oro di Ramandolo 2019: le tappe, i ristoranti e le cantine presenti

Giornalista, blogger e autrice di guide di viaggio, non riesce ad immaginare una vita senza viaggi per scoprire nuovi luoghi e conoscere culture diverse. Ama l'arte, la natura, la fotografia, i libri e il cinema. Appassionata di Balcani e di Europa dell'Est, di Medio Oriente e Sud Est asiatico, spera di riuscire a vedere tutto il mondo possibile.

Rispondi

Le foto dei miei viaggi in tempo reale

Vuoi vedere i luoghi più emozionanti dei miei viaggi quasi in tempo reale? Seguimi su Instagram, dove pubblico le foto più significative dei luoghi in cui mi trovo in quel momento o che ho visitato di recente.

Seguimi su Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: